Recensioni su Ark Nova Indice ↑

Articoli che parlano di Ark Nova Indice ↑

Eventi riguardanti Ark Nova Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Ark Nova: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Per questo gioco non ci sono download, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un file.

Video riguardanti Ark Nova Indice ↑

Gallerie fotografiche Indice ↑

Ark Nova: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
61991
Voti su BGG:
42289
Posizione in classifica BGG:
4
Media voti su BGG:
8,54
Media bayesiana voti su BGG:
8,33

Voti e commenti per Ark Nova

7,6

Presenta delle meccaniche molto divertenti. Per i miei gusti un po' troppo fortunoso e con pochissima interazione fra giocatori

7

Un bel gioco con qualche meccanica interessante e un mix di combo e incastri.

ha un po' di tutto, forse però non eccelle in niente. Peccato per la lunghezza delle partite che lo rende quasi impraticabile in 4 giocatori.

6

Ben fatto. Troppa poca interazione con gli altri giocatori per il mio gusto

7,5

.

9,5

Il gioco gira bene e diverte; solitario di gruppo con bassa interazione,
In più di 2 giocatori i tempi morti potrebbero risultare lunghi e noiosi.
Note di merito:
- selezione azione interessante
- la ricerca che è stata fatta su ogni animale/sponsor/progetto è notevole
- regolamento chiaro

6,5

Un gioco di efficienza e - in parte - di combo. Piacevole se si cerca un gioco da "una botta e via", mediocre se si cerca un gioco da domare e padroneggiare. 
Mezzo punto in meno per la durata. 

7

Davvero un gioco ben costruito sfruttando meccaniche collaudate. Ma non è un gioco che mi ha divertito. 

8,5

Voto provvisorio, dopo alcune partite in solitario e in due giocatori.

Davvero un ottimo gioco di gestione mano e combo di carte, con annessi piazzamento tessere e piazzamento lavoratori. Molte meccaniche, tra cui le più distintive (i due tracciati di punti da incrociare, la modalità di selezione azioni), sono riprese da altri giochi; ma, come in tutti i boardgame ben fatti, anche in Ark Nova il risultato è superiore alla somma dei singoli fattori. Tutte le meccaniche adottate (e ce ne sono tante) sono infatti rivisitate con grande cura in un organismo complesso e fluido, perciò il gioco non sa di già visto, ma guadagna una sua spiccata personalità.

La fortuna ha il suo peso, ma molto meno di quanto sembri: le vie da percorrere sono molte e le carte, grazie alle numerose icone che forniscono, possono essere sfruttate in vari modi. Inoltre, nonostante l’accentuata dimensione tattica, è un gioco con un buon livello strategico: bisogna impostare linee guida sulla mano iniziale e sulle carte pescate nei primi turni (è fondamentale riuscire a combinare gli effetti delle carte tra loro e farli fruttare il più possibile) e cercare di scegliere le carte future in base alla propria strategia, senza farsi troppo tentare dalla ‘bella carta’ singola. La partita richiede inoltre un buon tempismo nel raggiungimento dei vari bonus, in particolare nel reclutamento di nuovi lavoratori e nel potenziamento delle azioni; è inoltre bene non trascurare il tracciato reputazione, che non dà punti di per sé, ma sblocca bonus fondamentali. Un ulteriore livello di strategia è dato anche dalla potenza variabile delle azioni: spesso bisogna fare qualche calcolo sulla forza che le nostre azioni assumeranno tra un po’ di turni e programmare le scelte di conseguenza.

L’aspetto che preferisco è che, nonostante le molte combo e lo sviluppo incrementale, Ark Nova non è propriamente un engine building. Non si ha mai l’impressione che il motore, una volta costruito, “giri da sé”; lo si deve continuamente spingere in avanti e stare all’erta fino alla fine. Questo è dovuto soprattutto al fatto che le carte animale, che sono la maggior parte, hanno effetti istantanei, che non si ripetono. Le carte sponsor possono avere effetti ripetibili in determinate condizioni, ma questo non vale per tutte e, di solito, giocare carte sponsor a caso e in modo poco mirato non è una buona idea.

L’interazione è di certo bassa; ma la struttura a corsa della partita e la competizione sui progetti di conservazione (che sono di fatto obiettivi che contribuiscono a uno dei due tracciati di punti) costringono a porre sempre attenzione a quello che fanno gli altri giocatori.

Sulla scalabilità ho poco da dire, se non che, dalla seconda partita, si resta sui quarantacinque minuti a giocatore, per cui è fattibile. Penso che possa scalare bene anche in tre e che la durata inizi a farsi pesare in quattro, ma purtroppo non ho ancora avuto modo di provarlo in queste configurazioni.

Il solitario, privo di automa, è una bella sfida: bisogna incrociare i due tracciati di punteggio entro un limite prefissato di turni. Apparentemente sembra influenzato maggiormente dalla dea bendata, ma in realtà accentua la dimensione strategica.

8,5

Può sembrare che il gioco sia ingestibile, ma un giocatore bravo sarà sempre capace di chiudere la partita e vincere prIma di tutti gli altri. 
Il gioco si differenzia dagli altri titoli dello stesso segmento per la perfetta combinazione di meccaniche ed il tasso di sfida. L'interazione è bassa, ma comunque presente.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare