Civilizzazione: #1 – una definizione

Primo capitolo di quella che sarà una lunga disamina sui giochi di civilizzazione.

Approfondimenti
Giochi

Con oggi iniziamo un viaggio nel mondo dei giochi di civilizzazione simile a quello che abbiamo già affrontato per i dungeon crawler.
Cercheremo di capire quali sono le caratteristiche di questi giochi, i modi per svilupparle e faremo esempi per vedere, fino ad ora, qual è lo stato dell'arte in questa tipologia di titoli.

Per prima cosa, però, diamo una definizione precisa dei giochi di civilizzazione e sezioniamola in ogni sua parte.
Dalla Goblinpedia:
"Gioco che simula lo sviluppo e l'evoluzione di una o più civiltà attraverso epoche diverse, coinvolgendone quanti più aspetti possibile (economico, culturale, militare, politico, tecnologico, ecc) e facendoli evolvere e mutare il più possibile dall'inizio alla fine della partita."

Sviluppo ed evoluzione sono concetti chiave: in un gioco di civilizzazione deve esserci cambiamento. Non può essere qualcosa che parte simile a come finisce, altrimenti non c'è creazione e progressione della civiltà e viene meno il cuore stesso del genere.

In secondo luogo si parla di aspetti diversi. Questa è un distinzione fondamentale che dobbiamo fare con un altro genere simile: il 4X. Nei giochi 4X si hanno quattro fasi ben distinguibili di gioco, sia in termini tematici che cronologici: per quanto in molto momenti della partita siano in parte sovrapposte, tendono ad avere una “densità” differente a seconda del momento della partita considerato.
Explore: esplorazione e scoperta della mappa, di territori, di civiltà.
Expand: espansione in tali nuovi territori e, dove presente, sconfitta di ostacoli posti dal gioco in varie forme (naturali, nemici neutrali, ecc.)
Exploit: sfruttamento di quanto ottenuto per far crescere la propria fazione, aumentarne le statistiche soprattutto costruire la forza militare necessaria all'ultimo atto della partita.
Exterminate: utilizzare la propria potenza per combattere e conquistare le fazioni limitrofe.

I giochi di civilizzazione racchiudono tutti questi aspetti, ma vanno oltre, sia come contenuto che come arco evolutivo.

In prima istanza l'evoluzione su cui si focalizza la civilizzazione comprende in modo paritario altri aspetti che normalmente i 4X non contemplano: la politica, le forme di governo, la diplomazia tra stati, lo spionaggio, la religione, il benessere e il consenso della popolazione, la corruzione, il commercio, la cultura. Tutti aspetti, tutt'altro che secondari, di cui parleremo in modo esteso nei capitoli successivi di questa serie.

In secondo luogo i giochi di civilizzazione, pur regalando un cambiamento sensibile a diversi aspetti, al loro interno, cercano sempre di fornire un quadro completo e stabile di una civiltà, in tutti i suoi aspetti. Ecco dunque che sin dal principio saranno presenti tecnologie, governi, commercio, economia, eserciti, ecc., che verranno poi cambiati e potenziati strada facendo. Ma tutti, bene o male, di pari passo, senza i “passaggi di fase” che troviamo in un 4X.

Non solo, ma spesso questi differenti e contemporanei aspetti evolutivi di un gioco di civilizzazione possono esitare (sperabilmente) anche in diversi indirizzi strategici e conseguenti diverse condizioni di vittoria, che ampliano il ventaglio di scelte.

Quindi fissiamo qualche paletto per ricapitolare cosa intendiamo nei giochi di civilizzazione:

1) evoluzione e cambiamento della civiltà nel corso della partita;
2) considerazione di molteplici aspetti riguardanti lo sviluppo di una civiltà;
3) sintesi dei punti 1) e 2) con evoluzione contemporanea, diversificata e finalistica degli aspetti di civilizzazione proposti.

Nel prossimo capitolo parleremo di arco storico e parabola narrativa nei giochi di civlizzazione.

Commenti

Tipologia bellissima che adoro ma difficile per creare dei bei giochi...

Uno dei miei generi preferiti in assoluto, spesso con giochi lunghi e complessi.

bene bene...non vedo l'ora di leggere i migliori del genere....se tralascio i 4x, l'unico gioco di civilizzazione che possiedo è TTA, ma non siamo riusciti, vuoi per diverse attitudini al tavolo, vuoi per diverse esperienze con gli american-gestionali, ad approfondirlo tanto da apprezzarlo, visto che necessita un certo studio.
ok, le carte non sono tante ma tante le combo e vanno classificate per bloccare o realizzare quelle sgrave... non è l'iterazione che amiamo moltissimo al tavolo, piace di più, molto di più, quella di FCM e Barrage, o cmq per gli ibridi, quella su mappa (root, scythe, rising sun).
 

Da fan sfegatato di Through the Ages, son molto molto interessato a questa disamina, grazie Agzaroth!

L'articolo (e in effetti la rubrica in sé) è molto interessante.

Io possiedo ERA OF TRIBES che mi è piaciuto per il tentativo di incorporare tutti questi aspetti con un originale sistema di combattimento.
È un bel cinghialone!

Non mi pare abbia raccolto molto credito: cosa ve ne pare?

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare