Recensioni su Struggle of Empires Indice ↑

Articoli che parlano di Struggle of Empires Indice ↑

Eventi riguardanti Struggle of Empires Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti Struggle of Empires Indice ↑

Per questo gioco non ci sono video, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un tuo video.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Struggle of Empires: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
5829
Voti su BGG:
4239
Posizione in classifica BGG:
649
Media voti su BGG:
7,53
Media bayesiana voti su BGG:
6,84

Voti e commenti per Struggle of Empires

8

Gioco molto profondo. Sente un po oramai il peso deglia nni

7,5

Il voto del prode Sir Alric è 7 e mezzo: merita grande considerazione e la dovuta attenzione.

7

Nessun commento

8,5

Il fratello più vecchio di Conquest of the Empire. Se quest'ultimo soffre di gigantismo, Struggle soffre di nanismo (nella sua prima versione: la pornolusso riedita di recente non l'ho vista, immagino sia migliroata): la mappa è piccola, le pedine piccolette, i soldini piccolini, le tessere piccolotte. Il tutto è giocabile ma non è né comodo né coerente con la grandiosità del tema dell'imperialismo.

Fortunatamente, questi aspetti deludenti sono sollevati da un regolamento davvero ottimo, più fine di quello di Conquest of the Empire (anzi, viene da chiedersi perchè in quest'ultimo Wallace abbia dovuto cambiare un paio di meccaniche davvero ottime con altre più caciarone). Il gioco è semplice nelle regole ma estremamente profondo nello svolgimento, tante le strategie possibili entro una durata comunque accettabile.

Difetti: come detto la componentistica, e poi l'inutilità di alcune tessere tecnologia che evidentemente soffrono di poco playtest. Ah, e il regolamento scritto pessimamente, ma a questo ormai ci si è abituati... Davvero un peccato che ormai di giochi così Wallace non ne faccia più.

8

L'asta d'inizio era è una delle cose più geniali partorite dalla prolifica mente di Wallace.

8,4

È il mio tipo di gioco.  Ibrido vecchio stampo di Martin Wallace: asta, maggioranze, combattimenti, diplomazia, una punta di gestione e sviluppo.

Da due a sette giocatori prendono il controllo di stati imperialisti (niente asimmetria iniziale. Siamo vecchio stampo!) si lanciano a colonizzare e saccheggiare le principali aree del mondo appena scoperto,  o raggiunto (Americhe, Africa, India, Estremo oriente). È ovvio che ci si massacra anche nella "pacifica " Europa (il continente che più ha vissuto nella guerra negli ultimi 1500 anni...) per influenzare aree più o meno ricche e frazionate, come la nostra povera Italia dell'epoca, dominata da papi, granduchi e duchi, e qualche reuccio da operetta.

La partita dura tre round: all'inizio dei quali si metteranno all'asta contemporaneamente l'ordine di turno e le alleanze (meccanica notevole).  Poi c'è la fase delle azioni dei giocatori, poi si fa un conteggio dei punti di fine round. Si incamerano punti in base alla classifica dei segnalini controllo su ciascuna regione.

Si ripete il tutto per tre round e poi.. . C'è il rischio che scatta la rivoluzione a causa di livello di caos troppo elevato, e si viene eliminati! 

Il gioco è strano, brilla se giocato in 7 o 5 ( ma anche 6 va bene), soprattutto da persone inclini alla diplomazia e al mercanteggiamento. Il combattimento è dadoso, particolare come funzionamento (il risultato è la differenza di due dadi  corretti da valori che tengono conto del numero di unità e i propri miglioramenti) ma è possibile mitigare i risultati, e le sconfitte eliminano uno, al massimo due, unità. Anche se si deve ammettere che in certe situazioni perdere tali unità può metterci in grave crisi, o perdere il contatto con una colonia definitivamente per il resto della partita. 

Le aree che graziosamente si presteranno ad essere conquistate o colonizzare vengono sorteggiate ad inizio turno. Garantisce varietà e pone degli obiettivi ai giocatori. Le tessere miglioramento sono di vario tipo, ma limitate, per cui c'è una certa lotta per accaparrarsene alcuni. Si crea quindi asimmetria durante la partita. Non tutti sono equilibrati. 

Il gioco ha durata che dipende dal numero e tipo dei giocatori. Da tre a un numero alto di ore. Altro potenziale malus è il tema. Molti odiano il periodo,  la presenza di guerra, diplomazia e dello schiavismo.

Io ho preso la nuova edizione, EGG in italiano, pubblicata da Gx. È bellissima. Ottima qualità di tutti i componenti. Il regolamento è stato aggiornato: qualche regoletta modificata, qualche variante. Si può anche giocare alla vecchia versione. 

7

Bel gioco da 4-5

7

Discreta impressione preliminare dopo la prima partita, anche se non è il mio tipo di gioco

6

  

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare