Pillole di OdR 24 - That's Not a Hat

Un filler fino a otto giocatori, da avere sempre in tasca

Prime Impressioni
Giochi
Giochi collegati:
That's Not a Hat
Lo avevo preso poco prima delle festività dell'anno scorso - un altro bel suggerimento del Toro, che a suo tempo mi propose Taco Gatto Capra Cacio Pizza, per dire - poi tra una cosa e l'altra sono riuscito a giocarlo solo ieri sera e... ma che bomba ragazzi!

Il gioco è di una semplicità disarmante e si spiega in trenta secondi: c'è un mazzo di carte con disegnati oggetti stilizzati, il mazzo si mette al centro del tavolo e ognuno prende una carta a faccia in su da mettere davanti a sé. 
Un primo giocatore prende una carta dal mazzo centrale, la gira a faccia in giù e la "regala" al giocatore al suo fianco (in base al verso indicato sul retro della carta), dichiarando cosa va a regalare. Il giocatore in questione accetta il regalo (ha appena visto cosa sia, ancora è semplice), dopodiché gira a faccia in giù il suo primo oggetto e lo regala a un giocatore vicino a lui, sempre in base a quanto indicato sul retro della carta, dichiarando cosa sia.

Nel giro di poco tutte le carte iniziali verranno girate e si inizierà a perdere il controllo su cosa stia circolando e chi abbia cosa. Se un giocatore non crede che quanto gli sia stato regalato sia quanto effettivamente dichiarato dall'altro giocatore non ha da fare altro che dubitare e girare la carta che è stata regalata; chi ha sbagliato si prende la carta come punto negativo, quando un giocatore arriva a tre prese negative si chiude la partita e chi ne ha fatte meno vince.

Questa scatoletta malefica con dentro un centinaio di carte e spicci riesce a far divertire come pochi altri titoli del genere: nel giro di poco partono delle sparate di bluff clamorose, dichiarando oggetti che magari sono dall'altra parte del tavolo; arrivano svarioni incredibili e, all'opposto, epifanie e colpi di memoria pazzeschi, il tutto sempre tra le risate. Il fatto che le carte non girino sempre nello stesso verso, ma che a volte si vada a creare anche una sorta di melina in una zona del tavolo, aiuta a confondere le acque (come se non fosse già difficile) e a far dimenticare la carta che uno ha davanti, anche se arrivata un attimo fa.

3-8 giocatori per un quarto d'ora a partita, un bel po' di divertimento e risate in una scatolina piccina picciò. Super consigliato, da portare sempre dietro ormai.
 

Commenti

Mannaggia a Fedellow, preso!

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare